STORIE
Sommelier in ospedale, diplomati 30 ragazzi al Bambino Gesù
Sommelier in ospedale, diplomati 30 ragazzi al Bambino Gesù

In ospedale, in condizioni controllate e specifiche, si possono fare anche esperienze particolari come quella di conoscere la cultura del vino, e diventare sommelier a tutti gli effetti. Circa una trentina di ragazzi che hanno fatto le cure presso l'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma hanno ricevuto, dopo un corso semestrale, la consegna delle insegne e dei diplomi di sommelier al 12esimo Forum internazionale della cultura del vino.

Il corso è stato organizzato in collaborazione con la Fondazione italiana sommelier. Non solo: sempre per una esperienza che troverà posto all'interno dell'ospedale pediatrico romano, seimila bottiglie sono state realizzate per un'etichetta dell'ospedale. Il vino si chiamerà
Vita  «Il progetto enoteca - spiega Ruggero Parrotto, direttore generale dell'ospedale Bambino Gesù- è in fase di ideazione. Grazie alla generosità di queste case vinicole abbiamo l'etichetta prodotta in seimila bottiglie. Il prossimo passo sarà un'enoteca virtuale, e insieme ai ragazzi e ai sommelier stiamo poi anche iniziando a lavorare a un progetto di enoteca reale. Vedremo dove farla, se vicino all'ospedale. Sarà un progetto che costruiremo con i ragazzi. Saranno coinvolti loro e quelli che formeremo nei prossimi anni»

 
«L'enoteca - precisa la presidente del Bambino Gesù Mariella Enoc - non sarà una cantina in cui stare fino a notte tarda, ma un esempio per apprezzare le cose belle del nostro Paese.  Voi oggi donate anche per la ricerca perché quando una vite è ammalata il produttore deve cambiarla o dargli un alimento nuovo, la deve rigenerare. Così l'ospedale deve rigenerare bambini. Amando molto, stando vicino alle famiglie, ma anche scoprendo, andando avanti».

Sabato 15 Giugno 2019, 22:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA
staibene.it