LA RICERCA
I cani fanno bene al cuore e allungano la vita: il segreto è seguire le loro attività
Avere un cane fa bene al cuore e allunga la vita

Il cane è il miglior amico della salute dell'uomo. E del suo cuore. Infatti, avere un cane, tra passeggiatine mattutine e serali e corse al parco, migliora l'attività fisica. Il segreto è seguire le sue attività di gioco e non farsi prendere dalla pigrizia. È questa la conclusione di uno studio che ha anche firme italiane: quelle di tre ricercatori dell'Università di Catania. Il team di ricercatori siciliani ha lavorato allo studio condotto anche dal dipartimento di Medicina cardiovascolare della Mayo Clinic di Rochester (Usa) e dall'ospedale universitario Sant'Anna di Brno, in Repubblica Ceca.

LEGGI ANCHE Avere un partner riduce la percezione del dolore: lo studio sui benefici della vita di coppia



Proprio nella città dell'Est Europa, da gennaio 2013 a dicembre 2014 sono state esaminate circa 2.000 persone. Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Mayo Clinic Proceedings: Innovations, Quality & Outcomes, ha dimostrato un'associazione tra il possedere un cane e la salute del cuore, secondo quanto già osservato dall'American Heart Association in termini di attività fisica e riduzione del rischio di malattie cardiovascolari. In altri studi possedere un cane è stato collegato a una migliore salute mentale e a una minore percezione dell'isolamento sociale, entrambi fattori di rischio per gli attacchi di cuore.

«In generale, le persone che possedevano un animale domestico avevano maggiori probabilità di fare più attività fisica, di avere una dieta migliore con un livello ideale di zucchero nel sangue - sottolinea Andrea Maugeri ricercatore dell'ateneo siciliano che ha condotto lo studio - In quanto alla scelta dell'animale da compagnia i maggiori vantaggi di avere un animale domestico sono stati per quelli che possedevano un cane, indipendentemente dalla loro età, dal loro sesso e dal loro livello di istruzione».

 


Il cane all’interno della famiglia è un catalizzatore di serenità, genera atteggiamenti positivi, sconvolge positivamente la routine familiare, divenendo un compagno ed un amico, un vero e proprio membro della famiglia. Ciò è frutto di una nuova concezione che si ha del cane: non più relegato ad essere un semplice animale da compagnia, bensì, per molti, un componente della famiglia, della società e del territorio. Basti pensare alle città che sono sempre più aree urbane “a dimensione di cane”. All’interno di un nucleo familiare al cane vengono assegnati ruoli e responsabilità. Ad avvalorare questa tesi è Marco Maggi, Coordinatore dei Servizi Sanitari di Ca’ Zampa – il primo Gruppo in Italia che offre servizi a tutto tondo per il benessere del pet.

Domenica 25 Agosto 2019, 18:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA
staibene.it