IL BILANCIO
Sanità, Bambino Gesù: oltre 1.700 consulenze dalla helpline di neuropsichiatria nel 2018
Sanità, Bambino Gesù: oltre 1.700 consulenze dalla helpline di neuropsichiatria nel 2018

Oltre 1700 consulenze telefoniche gratuite effettuate nel 2018, circa 140 richieste di aiuto ogni mese. Sono i numeri del servizio “Lucy”, la helpline gestita dal personale dell’Unità operativa di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (il numero da contattare è lo 06 6859 2265). Attiva 24 ore su 24, “Lucy” (il nome della helpline è liberamente ispirato al personaggio dei Peanuts Lucy e al suo banchetto di aiuto psichiatrico) fornisce ormai da diversi anni consigli per la gestione delle difficoltà di natura psicologica e psichiatrica a bambini, ragazzi, mamme, papà e a tutti coloro che vengono a contatto con situazioni che richiedono un intervento da parte di uno specialista. 

Lo scorso anno, sono stati gli adulti a rivolgersi principalmente a “Lucy”, in particolare genitori di minori in difficoltà, ma anche parenti, insegnanti, amici, operatori sanitari e medici (in particolare pediatri e assistenti sociali), sia del Bambino Gesù sia di altre strutture. Una piccola parte delle chiamate ricevute è stata effettuata da minori (adolescenti). Nel 55% dei casi il problema è stato gestito direttamente via telefono, negli altri casi gli utenti hanno chiesto agli esperti informazioni di orientamento fra i percorsi clinici disponibili e consigli psico-educazionali. Nello specifico gli utenti, dopo aver esposto le difficoltà del bambino o dell’adolescente, hanno domandato a quale professionista dovevano rivolgersi (neuropsichiatra o psicologo), l’iter da seguire per la prenotazione di una visita in ospedale (o in altre strutture) e come comportarsi in attesa della visita specialistica. Le problematiche per cui “Lucy” è stata contattata più di frequente sono state quelle legate a disturbi del comportamento alimentare. Nel dettaglio le consulenze telefoniche effettuate da genitori di bambini e ragazzi con problemi legati al rifiuto del cibo e di bevande, all’eccessiva perdita di peso e al vomito autoindotto sono state il 25% del totale.

Il 15% il di tutte le richieste di consulenza, invece, ha riguardato diversi comportamenti disfunzionali, che potenzialmente potevano indicare la presenza di un disturbo psicopatologico (eteroaggressività intra ed extrafamiliare, abuso di sostanze stupefacenti e alcool, ritiro sociale e scolastico, comportamenti devianti e bizzarri, autolesionismo, comportamenti ripetitivi e ossessivi). I problemi di conflittualità genitoriale e maltrattamento sono state al centro del 13% delle consulenze effettuate. Infine altri problemi per cui gli utenti si sono rivolti più di frequente agli esperti della helpline sono stati: lievi disturbi d’ansia e del sonno (7%), problematiche legate all’uso eccessivo dei social, smartphone e videogiochi (7%), alla scuola (5%), pianto inconsolabile dei bambini ed irrequietezza (3%). 

«Lucy è una linea telefonica che vuole rispondere alla richiesta di aiuto di bambini, adolescenti o dei loro genitori che si trovano a vivere momenti di difficoltà psicologica», sottolinea Stefano Vicari, responsabile di Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza del Bambino Gesù. «Ansia, depressione, anoressia, agitazione motoria e aggressività sono alcune di queste possibili difficoltà, molto più frequenti di quanto si pensi: a tutti noi è capitato o può capitare di sperimentarle almeno una volta nella vita - aggiunge Vicari - In questi casi la cosa migliore da fare non è chiuderci in noi stessi e “far finta di niente”, ma, piuttosto, affrontarle e chiedere aiuto subito perché in questo modo, da queste situazioni, se ne può uscire, si può tornare a vivere con serenità. Lo scopo di Lucy è proprio quello fornire uno spazio per dare voce a dubbi e paure, di accogliere, nell’immediato, la richiesta di aiuto attraverso un dialogo diretto con psicologi esperti e appositamente formati».

Martedì 19 Febbraio 2019, 17:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA
staibene.it