TOSCANA
Batterio New Delhi, salgono a 119 i casi in Toscana: «Morti un terzo dei pazienti»
Batterio New Delhi, salgono a 119 i casi in Toscana: «Morti un terzo dei pazienti»

Dati allarmanti per il superbatterio New Delhi. Salgono infatti a 119 i casi di pazienti contagiati in Toscana. È il dato, aggiornato al 6 ottobre, diffuso sul proprio sito dall'Agenzia regionale di sanità (Ars) della Toscana che ogni mercoledì pubblica il monitoraggio settimanale sulla diffusione del superbatterio Ndm. Riguardo alla mortalità, Ars spiega che «i casi sono risultati letali nel 34% dei pazienti con sepsi (non necessariamente si tratta di decessi dovuti all'infezione specifica), percentuale paragonabile alla letalità per questa condizione causata da altri batteri resistenti agli antibiotici carbapenemici». La settimana scorsa, il 2 ottobre, il batterio Ndm risultava essere stato isolato nel sangue di 109 pazienti mentre i casi erano risultati letali nel 35%.

Batterio New Delhi, 102 casi in Toscana: morto oltre un terzo dei pazienti

Batterio New Delhi, elettricista muore a 66 anni dopo l'intervento chirurgico a Livorno: si sospetta il contagio



Nel frattempo, il consigliere regionale Jacopo Alberti (Lega) ha ritirato la mozione di sfiducia nei confronti dell'assessore toscano alla Sanità Stefania Saccardi, nata dal caso della diffusione del batterio New Delhi tra i pazienti degli ospedali, perchè «non era presente in Aula». «Non discuto sul suo operato in sua assenza, la ripresento», ha annunciato Alberti. «Ho ritirato la mozione di non gradimento a Saccardi per correttezza e educazione: non discuto sul suo operato come assessore in sua assenza - specifica il consigliere regionale della Lega Jacopo Alberti, primo firmatario della mozione di sfiducia - la ripresento».
 


«Da qui a fine legislatura ci sarà modo di avere in Aula l'assessore e allora l'affronteremo. Intanto monitoriamo la situazione del superbatterio, che mi sembra sia già passato in sordina rispetto ai primi di settembre, quando siamo venuti a conoscenza del focolaio. Eppure i numeri ci dicono che il contagio continua, e con numeri importanti. Sono preoccupato, perché non mi sembra che sia sotto controllo, anzi. I numeri continuano ad alzarsi e i contagi a moltiplicarsi, nonostante le misure messe in atto dal decreto di fine luglio. C'è qualcosa che non quadra». «Sono però perplesso anche sui numeri forniti dall'Ars: secondo il bollettino del 2 ottobre, nell'ultima settimana di settembre, erano stati rilevati 7 contagi, ma nel bollettino di questa settimana ne risultano 10 riferiti a quella settimana».

«Inoltre, non sono stati forniti i dati del contagio divisi per struttura, aspetto invece importantissimo per capire se si sta allargando a altri ospedali. Spero sia solo una svista, e che i dati divisi per ospedale tornino presto a disposizione. Nonostante i solleciti, la comunicazione sul New Delhi è ancora insufficiente e lacunosa, e i dati non trasparenti. L'assessore durante lo scorso consiglio aveva detto che non aveva ritenuto necessario avvertire la popolazione dell'allerta del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie - conclude Alberti - e adesso mi pare che non ritenga necessario nemmeno metterci al corrente di come procede il contagio. Viva la trasparenza!».

Mercoledì 9 Ottobre 2019, 16:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA
staibene.it