L'INTERVENTO
Parigi, secondo trapianto di viso allo stesso uomo. Nel team anche un chirurgo italiano di 34 anni
Il chirurgo italiano Francesco Wirz

Secondo trapiano di viso a Parigi sullo stesso uomo a distanza di sette anni. Una prima mondiale quella all'Hospital europeen Georges Pompidou: il paziente aveva avuto un grave problema di rigetto. L'uomo, che si è già visto allo specchio con il suo terzo volto, è in osservazione e sta bene. L'intervento è riuscito ma i chirurghi sono ancora prudenti. A portare a termine l'intervento, 3 settimane fa, è stata l'equipe del professor Laurent Lantieri. Nell'equipe che ha portato a termine l'intervento figura il chirurgo italiano Francesco Wirz, 34 anni. L'uomo, Jerome, era stato operato dal professor Lantieri una prima volta nel 2010. Il trapianto, con il volto di una persona più anziana, era riuscito ed era durato 7 anni.
 

 


I primi sintomi di quello che l'equipe del professor Lantieri ha definito «rigetto cronico» si sono presentati l'anno scorso. Al moltiplicarsi delle zone di necrosi sul volto, per evitare ulteriori rischi al paziente è stato asportato il viso il 30 novembre. Da allora, fino al 15 gennaio, è rimasto «senza viso» in rianimazione, guardato a vista dai chirurghi per il rischio di infezioni. Trovato il donatore, è stato asportato il volto da una equipe e impiantato su Jerome da una seconda equipe, composta fra gli altri dal dottor Wurz, 34 anni, di Napoli.

Giovedì 8 Febbraio 2018, 16:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA
staibene.it